Castello Brianza: 400 partecipanti alla settima ”Marcia per un amico”

Le nuvole non hanno fermato i circa 400 iscritti alla marcia in onore di Adelio Ghezzi, tenutasi anche quest’anno presso il Centro Sportivo Don Giovanni Branca di Castello Brianza nel pomeriggio di sabato. Persona di grande cuore e impegno, lo storico volontario, stroncato da un male incurabile sette anni fa, è amato e ricordato da tutti per il suo sostegno infaticabile alle varie associazioni del territorio, tra cui l’A.G.A.P.H, Associazione dei genitori dei ragazzi portatori di handicap, di cui era presidente e che quest’anno ha voluto ringraziare gli organizzatori con una lettera molto emozionante.

Il percorso della manifestazione non competitiva, organizzata dalla Polisportiva di Castello Brianza con il patrocinio del Comune e la collaborazione del Gruppo “Amici di Adelio”, dell’Associazione Culturale San Donato, dell’Associazione Foglia Verde, del Gruppo Alpini e della Protezione Civile, comprendeva due tragitti differenti: uno da 7 km e uno da 13 km, che quest’anno ha subito alcune modifiche particolarmente apprezzate dai podisti. “Abbiamo deciso di far attraversare la Piana di Prestabbio, con i suoi pittoreschi campi di colza che, assieme ai corsi d’acqua, ai boschi e alla salita del Ceppo Alto, sono tra le bellezze del nostro territorio”, ha spiegato Francesco Formenti della Polisportiva. “Come sempre, la collaborazione tra le associazioni si è rivelata proficua; inoltre, abbiamo notato con grande piacere l’adesione di numerose famiglie con bambini”, ha aggiunto l’organizzatore.

castello_marciaperamico2

Quattro i gruppi F.I.A.S.P. partecipanti: G.S. Avis di Oggiono, Brianza Nord di Alzate Brianza, G.S. San Michele di Monticello Brianza e Boomerang di Carbonate. Tra i gruppi locali non tesserati, il Gruppo Famiglie G07 e il Gruppo Cammino, entrambi di Castello Brianza.

marcia_amico6

Nonostante la fatica, il percorso tra sentieri perlopiù non asfaltati è stato gradito dai corridori, che ne hanno approfittato per godere del paesaggio e prepararsi alle prossime gare. Verso le 18.00 si sono svolte le premiazioni e la consegna dei riconoscimenti sia ai partecipanti, sia ai membri della famiglia Ghezzi: la signora Ottolina, madre di Adelio, la moglie Cinzia e le figlie Alice e Michela. Il primo premio è stato assegnato al gruppo più numeroso, l’Avis di Oggiono; secondo il gruppo Brianza Nord, terzo San Michele di Monticello. “Ringraziamo tutti gli sponsor e i volontari, che hanno lavorato duramente per la riuscita della manifestazione, e naturalmente il vostro entusiasmo, che dimostra quanto sia importante ricordare con affetto il nostro amico Adelio”, hanno concluso gli organizzatori.

Articolo liberamente tratto da: http://www.casateonline.it/