Ginevra: Elena Bonfanti segna il tempo di 52.95 nei 400 m

L’azzurra sui 400 metri sigla il terzo crono in carriera e Schembri salta 16,36 (+1.9) nel triplo.

Primato stagionale e terzo crono in carriera per Elena Bonfanti (Lecco Colombo Costruzioni), che sabato 14 giugno al 27° AtletiCAGenève – Mémorial Georges Caillat di Ginevra (Svizzera) corre i 400 metri in 52.95. Al Centre sportif du Bout-du-Monde l’azzurra ha ottenuto il crono, superiore solo al 52.61 dei Tricolore di Bressanone 2012 e al 52.66 delle Universiadi di Kazan nella scorsa stagione, in una gara molto combattuta che ha visto vincere l’atleta dei Paesi Bassi Madies Ghafoor in 52.36. Al secondo e terzo posto si sono classificate invece due britanniche, Emily Diamond in 52.41 e la ventenne Seren Bundy-Davies in 52.73. Bonfanti, parte della 4×400 azzurra arrivata sesta (in 3:27.44) alle World Relays di Nassau (Bahamas) è quarta. Terza piazza nella seconda serie invece per Maria Enrica Spacca (Forestale) che taglia il traguardo in 53.18: anche per lei si tratta del crono più veloce del 2014 mentre al maschile Teo Turchi (Carabinieri) fa segnare 47.69.

4x400_bazzoni-spacca-bonfanti

I risultati dei 100 metri sono influenzati da un vento ballerino: in batteria Massimiliano Ferraro (Enterprise Sport & Service) anticipa Fabio Cerutti (Fiamme Gialle), 10.44 (+2.4) a 10.46. In finale i ruoli si invertono con il torinese che – replicando esattamente il crono delle qualificazioni – ha la meglio sul campano in 10.46 (+0.1) contro il 10.51 dell’avversario. In pista c’è anche Giovanni Galbieri (Riccardi Milano) che corre in 10.67 (-2.4) e 10.66 (-1.7). Fa segnare 24.03 (+1.6) Giulia Arcioni (Forestale) nel mezzo giro di pista e 11.74 Federica Giannotti (Reggio Events) nei 100.

Sempre nel meeting svizzero in mattinata si è aggiudicato la vittoria del salto triplo il finalista mondiale Fabrizio Schembri (Carabinieri): il lombardo, che lamenta qualche problema tecnico, ha balzato 16,36 (+1.9) in una serie appesantita da diversi nulli.

Articolo liberamente tratto da: http://www.fidal.it/